Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RATING DEL 3 LUGLIO

PIAGGIO

Banca Imi ha confermato il Buy sul titolo, ribadendo il target price a 3,2 euro.Questo prezzo esprime un upside, ovvero un potenziale di rialzo del titolo, pari a oltre il 22%. La valutazione positiva giunge dopo la diffusione degli ultimi dati sulle immatricolazioni.A giugno il mercato italiano delle due ruote è tornato a crescere. L’incremento su base annua è stato pari al 2%, nonostante un giorno lavorativo in meno rispetto al 2018, mentre maggio aveva presentato una flessione dell’11%.  Nel segmento degli scooter, ovvero dove è maggiore la presenza di Piaggio, la crescita è stata del 5%.Complessivamente, il secondo trimestre è stato piatto, -0,7%, perché giugno ha compensato il decremento precedente. La crescita da inizio anno è invece pari al 6%, mentre il segmento scooter +5,1%..L’Italia rappresenta il 14% dei ricavi di Piaggio nel 2018. La crescita continua in Spagna, dove il mercato nel secondo trimestre è aumentato  dell’8% mostrando un incremento importante in termini di volumi (+12% nel primo semestre).  
Bloomberg registra sul titolo 5 Buy, 3 Hold e 0 Sell. Target price medio di 2,81 euro.

BANCA IFIS

Banca Imi ha confermato su B.Ifis il giudizio add e il prezzo obbiettivo a 23 euro. Il gruppo bancario ha concluso operazioni per 1,4 mld euro nel mercato Npl nel primo semestre 2019, e a giugno di quest”anno, la gestione di Npl, per conto di terzi, era pari a 6,4 mld euro, ricordano gli analisti. “Consideriamo positivamente che Banca Ifis abbia accelerato le acquisizioni di Npl nel secondo trimestre 2019″, commentano gli esperti. Per quanto riguarda poi il nuovo piano industriale, che dovrebbe essere presentato nei prossimi mesi, gli esperti si aspettano che si concentrera” sullo sviluppo delle attivita” principali legate a Npl e Pmi, sull”efficienza dei costi e sul progressivo rafforzamento della base di capitale della banca, conclude Imi.

Banca Akros ha confermato su B.Ifis il giudizio accumulate, in attesa del nuovo piano industriale che dovrebbe essere reso noto in autunno. Il prezzo obbiettivo rimane a 19,9 euro. L”area Npl rimane secondo gli esperti “il motore di crescita del gruppo, mentre l”Area enterprise dovrebbe essere ristrutturata dal nuovo a.d., al fine di migliorare la posizione patrimoniale di Banca Ifis”.

FCA

Banca Imi, che sul titolo ha un rating buy e un prezzo obiettivo a 15,1 euro, evidenzia come il gruppo negli Usa abbia registrato il “miglior giugno da 14 anni”. Le vendite nel mese scorso sono “positive e oltre il consenso di mercato” e “cosa piu” importante, la performance del gruppo negli Usa e” stata migliore del trend registrato dai suoi principali peer”, spiega Imi. “Il trend da inizio anno delle vendite del gruppo negli Usa appare in linea con le nostre stime”, concludono gli analisti.

“Le immatricolazioni di Fca a giugno negli Usa (circa il 50% dei volumi di gruppo) sono cresciute del 2% a/a a 206.000 unita” (-2% da inizio anno a 1,096 mln), pur scontando un giorno lavorativo in meno; si tratta del secondo mese di fila in crescita dopo tre mesi di calo”, commentano gli analisti di Equita Sim. Gli esperti citano poi il “mix positivo”, con le vendite che “sono state trainate da Ram”, che e” “tra i prodotti piu” redditizi”. Il trend nei Paesi Nafta, ricorda Equita, “e” fondamentale per il raggiungimento della guidance 2019 perche” genera il 90% dell”Ebit di gruppo”. Rating buy, prezzo obiettivo a 14,5 euro. 

Banca Akros, che sul titolo conferma la raccomandazione accumulate e il prezzo obiettivo a 15,8 euro, nota come i dati sulle vendite negli Usa a giugno siano stati “discreti” in termini di volumi e “buoni in termini di mix di prezzo”. Per gli esperti il secondo trimestre ha segnato un “buon miglioramento rispetto al primo”.

IMA

Banca Imi ha confermato il giudizio add su Ima e il prezzo obiettivo a 78 euro. Gli esperti ricordano che ieri Ima ha perfezionato l”acquisto del 63% di Atop. “Non rileviamo alcun impatto significativo sul titolo da questa notizia poiche” l”acquisizione di Atop era gia” stata annunciata il 21 maggio 2019 e inclusa precedentemente nelle nostre stime 2019-2022″, commentano gli esperti.

SAIPEM

Citigroup conferma la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 5,5 euro su Saipem. In un report sugli oil service europei gli analisti puntano l”attenzione sulla crescente pipeline di progetti eolici offshore in Europa, Asia e negli Usa. Gli esperti ritengono che il settore offra “un”opportunita” di ricavi sostenibile e in crescita” per quelle societa” europee che “hanno diversificato in quest”area”.

Morgan Stanley ha ridotto il prezzo obiettivo su Saipem da 7 a 6 euro, livello che resta comunque decisamente al di sopra delle attuali quotazioni di Borsa del titolo. La raccomandazione e” dunque confermata a overweight. Gli analisti hanno abbassato i target price dei titoli del settore dopo aver ridotto il giudizio sul comparto oil service da attractive a in line per via delle “sfide di breve e lungo termine”. 

ENEL

Hsbc ha alzato il prezzo obiettivo su Enel da 5,1 a 6,3 euro, confermando la raccomandazione hold. “Abbiamo pochi dubbi sul fatto che Enel, gestita in modo efficiente e con una strategia ben definita, continuera” a raggiungere i suoi obiettivi di crescita”, sottolineano gli analisti. Il contesto macro, pero”, per Hsbc limita il potenziale di rialzo del titolo.

Comments are closed.