Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RATING DEL 7 FEBBRAIO

ATLANTIA

Equita Sim ha alzato la raccomandazione sul titolo da hold a buy, con prezzo obiettivo che passa da 22,7 a 24,1 euro. L”azione entra nel portafoglio principale con un peso di 500 punti base. Tre i motivi citati dagli analisti per l”upgrade. Primo: “la revoca della concessione e” complicata e costosa. Un”accelerazione del piano di spese per investimenti di Aspi avrebbe un impatto positivo sul Pil italiano, favorendo una trattativa col Governo, che ci attendiamo raggiungibile entro fine anno”. Secondo: “lo scenario dei tassi e” migliorato”. Terzo: “il ritorno alla dividend policy originaria (dividendo 2019 a 122 centesimi e quindi tasso composto medio annuo del 10%) porterebbe il rendimento al 5,8%, uno dei piu” elevati del settore (media al 4%)”. Equita comunque cita anche le indiscrezioni di stampa secondo cui “i dati trasmessi da Aspi al Ministero delle Infrastrutture sarebbero stati alterati. Le novita” sarebbero emerse nei giorni scorsi dagli interrogatori della Guardia di Finanza ad alcuni tecnici di Spea, la societa” di ingegneria controllata da Aspi e incaricata di effettuare i controlli sulla sicurezza”. L”obiettivo sarebbe stato quello di rappresentare delle condizioni migliori di alcuni viadotti di quanto fossero. Secondo la stampa, prosegue Equita, “l”anomalia riguarderebbe le informazioni sulla tenuta del viadotto Morandi inviate il primo febbraio 2017 al Ministero. La commissione approvo” il progetto con valutazioni finali molto critiche, senza pero” alcun intervento per bloccare il traffico. L”indagine della Guardia di Finanza partirebbe dagli interrogatori di alcuni tecnici di Spea, secondo i quali alcuni rapporti sarebbero stati modificati dai loro superiori prima di essere verbalizzati, dopo un”interlocuzione con Aspi”; la stampa “sottolinea che per la prima volta emergerebbe un”ipotesi di dolo e questa ipotesi peggiorerebbe la posizione di Aspi”. 

UNICREDIT

Mediobanca Securities conferma la raccomandazione outperform e il prezzo obiettivo a 15 euro sul titolo dopo i conti. “Unicredit ha battuto le stime di consenso sul conto economico, grazie a buoni net interest income, costi e accantonamenti per perdite su crediti. Meglio del previsto anche il capitale”, sottolineano gli analisti. Inoltre, per MB il titolo e” su valutazioni molto basse. 

FERRARI

Ferrari: Banca Imi abbassa rating a add

ENEL

Citigroup conferma la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 5,8 euro su Enel. I conti preliminari, affermano gli analisti, hanno evidenziato un “forte momentum degli utili” e un “debito netto migliore delle attese”, un messaggio questo “rassicurante per gli investitori e che rafforza il potenziale di rialzo nella remunerazione agli azionisti”.

Societe Generale 

ha tagliato i suoi target di redditività dopo un quarto trimestre condizionato dalla debolezza del mercato soprattutto per le attività di investment e corporate banking.La terza banca francese prevede ora un Rote tra il 9 e il 10% nel 2020 rispetto all’obiettivo precedente di 11,5%. Ha anche detto che non rispetterà il target di crescita dei ricavi del 3%.

Nel quarto trimestre i ricavi sono scesi del 6,3% a 5,93 miliardi, in linea con le stime degli analisti raccolte da Infront. Tre settimane fa aveva lanciato un profit warning.

La divisione corporate e investment banking ha visto gli utili più che dimezzati nel trimestre.Per proteggere la sua redditività, SocGen intensificherà i suoi piani di dismissioni: punta ora a vendere asset per il 6-7% del totale dal 5% precedente.Negli ultimi mesi SocGen ha venduto banche in Belgio, Bulgaria, Serbia, Moldavia e Sud Africa e intende cedere altre controllate nei mercati in cui non ha una dimensione critica sufficiente e dove non può ottenere sinergie con il resto del gruppo.

Il titolo è poco mosso a Parigi dopo un forte rialzo iniziale legato all’affievolirsi dei timori di un aumento di capitale.

MEDIOBANCA

-Banca Akros conferma il rating accumulate su Mediobanca, con Tp di 10 euro per azione, in attesa dei conti in agenda per oggi. Gli esperti si attendono numeri resilienti in un trimestre difficile e negativamente impattato dall”alta volatilita” dei mercati finanziari. Previsto in salita il totale dei ricavi (+6,6% a/a) e l”utile netto (+1,7%).

ENAV

Equita Sim ha alzato il prezzo obiettivo su Enav ) da 4,5 a 5 euro, confermando la raccomandazione buy. Gli esperti citano la “riduzione dei tassi di interesse”. Il nuovo periodo regolatorio per Enav iniziera” nel 2020 e l”iter di approvazione del Performance Plan 2020-2024 dovrebbe giungere a termine entro fine 2019, sottolinea poi Equita. Il 2018, ricordano gli esperti, “e” stato un anno caratterizzato da forte crescita del traffico (+6,1% a livello di sistema), con molti ANSPs (Air Navigation Service Providers) europei che hanno sofferto limiti di capacita”, generando ritardi nei voli e un conseguente aumento dei costi per i vettori. Riteniamo che il regolatore porra” molta piu” attenzione nella revisione regolatoria al tema della capacita” e dei ritardi che stanno registrando alcuni Paesi europei (Francia/Germania) e questo e” un elemento positivo per Enav perche”: la societa” non ha queste problematiche; riteniamo che tali temi possano spostare il focus del regolatore maggiormente sul miglioramento della capacita”. Abbiamo effettuato una revisione delle stime per incorporare un traffico migliore delle attese (+9,3% nel 2018 contro +8,5%) e le tariffe applicate per il 2019, senza un impatto rilevante in termini di Eps, ma leggermente positivo in termini di free cash flow”. Nel complesso, conclude Equita, “confermiamo il buy: siamo ottimisti sulla revisione regolatoria che sara” approvata nel 2019; il titolo tratta su valutazioni interessanti, considerando il profilo difensivo dell”asset; la societa” ha una struttura finanziaria solida e una generazione di cassa costante, con un significativo spazio di re-leverage”.

FOPE

Integrae Sim conferma il giudizio Buy con target price a 9 euro. Ieri il titolo ha chiuso a 6,30 euro.I risultati preliminari del 2018 sono stati superiori alle previsioni. Il fatturato è cresciuto dell’11,5% sul 2017, a 31,26 milioni di euro, contro le stime di 30,7 milioni.  Scrive Integrae Sim che “dal 2016 la società ha visto passare i ricavi netti da circa 23,1 milioni a oltre 31,2 milioni nel 2018 vedendo un incremento in due anni di oltre il 35,4%”.

AMPLIFON

Kepler Cheuvreux ha ridotto la raccomandazione sul titolo da buy a hold, con prezzo obiettivo che passa da 18 a 17,7 euro. Tempo di una pausa, spiegano gli analisti, che notano come il titolo si sia avvicinato al loro target price e come non ci sia “ulteriore spazio per alzare le stime”. Kepler Cheuvreux resta “pienamente convinta delle prospettive di medio/lungo termine di Amplifon, ma la valutazione attuale (25 volte il P/E 2019) appare ”piena” e potenzialmente a rischio in un contesto di derating delle mid cap italiane”.

SIAS

Equita Sim ha alzato il giudizio sul titolo da hold a buy, con prezzo obiettivo che sale da 15,4 a 17,4 euro. L”azione entra nel portafoglio small cap della sim. Negli ultimi mesi, nota Equita, “il rischio regolatorio si e” significativamente ridotto post riconoscimento degli aumenti tariffari per il 2019. Le proposte di variazione dei contratti in essere sono coerenti con le nostre ipotesi di gruppo per i prossimi anni”. In secondo luogo, proseguono gli analisti, “il Brasile ha registrato forti miglioramenti negli ultimi mesi con Ecorodovias a +60% dai minimi, il cambio a +15% e le stime di Pil a +2,5% nei prossimi anni. La recente approvazione della legge nello stato di San Paolo che consente l”estensione delle maturity (in cambio di investimenti) potra” permettere ad Ecorodovias di negoziare miglioramenti su uno degli asset principali di gruppo (6-8 anni di estensione su Ecovia?)”. Terzo aspetto, “nuove opportunita” sono emerse in Italia. Anas potrebbe mettere a gara il 20% di Sitaf (traforo del Frejus) nei prossimi mesi e Sias (con una quota del 37%) potrebbe essere ben posizionata per guadagnare il consolidamento di un asset con oltre 100 mln di Ebitda e una maturity al 2050. A valle dei miglioramenti nel business sottostante, aumentiamo le stime di utile del 3%/7% e le stime di dividendo del 40%, recependo la nuova guidance di payout al 60% (rispetto al 40% precedente) su utili piu” alti”, aggiunge Equita. Inoltre, a un multiplo di 10 volte il PE e di 5,1 volte l”Ev/Ebitda e “con una elevata flessibilita” finanziaria (1,8 volte il debito/Ebitda)”, gli esperti ritengono che “il mercato sottostimi le capacita” di Sias di estendere/rinnovare le concessioni in gestione sia in Italia che all”estero nei prossimi anni e che il 30% di upside sul nostro target e il 6% di yield implicito a questi prezzi siano attraenti”.

STM

 Banca Akros, comunque, ha confermato la raccomandazione buy sul titolo e il prezzo obiettivo a 17,9 dopo che Stm ha acquistato il 55% del capitale azionario della svedese Norstel, azienda produttrice di fette in carburo di silicio (SiC). Per gli esperti l”accordo e” “strategico” e si inserisce in un “mercato molto promettente” e, supponendo che il controllo sull”azienda raggiungera” il 100%, Akros ritiene che l”operazione valga circa l”1% della capitalizzazione di mercato di Stm. 

Comments are closed.