Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Telecom :Manovre sui Dossier Persidera e Open fibra

TELECOM Persidera ed Open Fibra

“Su Persidera abbiamo gia” fatto l”offerta. Stiamo aspettando adesso la risposta da parte dei venditori. Penso che entro fine mese stabiliremo” il tutto. Lo ha affermato, Renato Ravanelli, a.d. di F2I., a margine di un evento all”Universita” Bocconi, interpellato sui tempi di chiusura del dossier Persidera. 
– Una integrazione di Open Fiber  in Telecom Italia  sarebbe una operazione positiva per entrambe le aziende, e il cda di Tim esaminerà il dossier nei prossimi mesi.
Lo ha detto a margine di un convegno a Firenze l’AD di Telecom Italia, Luigi Gubitosi.“Negli ultimi mesi abbiamo avuto contatti con Open Fiber per esplorare reciprocamente la situazione. Siamo abbastanza avanti nel giungere alle nostre conclusioni. Nei prossimi mesi ne parleremo in Cda di Tim e poi con gli azionisti per vedere i prossimi passi”, ha detto il manager.
“Appena saremo pronti in Tim, la parola passerà agli azionisti e passeremo al successivo livello di interlocuzione”, ha aggiunto.
 L’accordo con Vodafone ) sul 5G che coinvolge anche Inwit (potrebbe essere portato al cda di Telecom Italia  del primo di agosto.
“Stiamo andando avanti. Stiamo procedendo bene. Ritengo che l’accordo possa essere firmato entro il break di agosto. Noi abbiamo un Cda il primo agosto e il mio impegno con il consiglio è di portarlo entro quella data e penso di poterci riuscire”, ha detto Gubitosi.
A fine febbraio Tim e Vodafone Italia hanno annunciato che intendono avviare una partnership aggregando le torri di trasmissione e condividendo l’infrastruttura attiva al fine di arrivare a uno sviluppo congiunto della rete 5G. “L’architettura dell’accordo è aperta e ci farebbe piacere se anche altri operatori potessero partecipare”, ha detto Gubitosi a margine di un convegno. “Il 5G è costato moltissimo, il che è un bene per le casse dello Stato, un po’ meno evidentemente per chi lo ha pagato, quindi diventa importante condividere dei costi”.”Se Iliad vorrà essere della partita con noi ci farà molto piacere”, ha aggiunto. “Ci vedremo con Iliad come ci vediamo con tutti gli operatori abitualmente, e ci auguriamo di trovare dei punti di convergenza”.

Comments are closed.