Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

TELECOM :valutazioni di Equita sim

La stampa del fine settimana, evidenzia Equita Sim (rating buy, Tp a 0,6 euro), “riporta alcune indiscrezioni in merito alle negoziazioni in corso tra Tim e Open Fiber. La struttura dell”operazione, secondo quanto proposto dagli advisor, prevedrebbe l”acquisto di Open Fiber da parte di Tim in azioni Tim. Cdp sarebbe favorevole, mentre Enel potrebbe partecipare all”operazione oppure cedere la propria quota del 50% in Open Fiber a Cdp. Rimarrebbero da negoziare ancora alcuni elementi essenziali, a partire dalla valutazione, ma anche governance e organigramma. Proprio sul tema valutativo, Enel avrebbe commissionato uno studio che porta a valutazioni di Open Fiber fino a 8 mld. Non conosciamo su quali ipotesi vengano costruite queste valutazioni, ma a nostro avviso si tratta di valori elevati, vista la bassa visibilita” sui target di redditivita” di medio-lungo termine (800 mln di Ebitda) e il capitale investito ad oggi (nelle nostre stime circa 2,3 mld a fine 2018 e 3 mld attesi a fine 2019)”, commentano gli analisti. “Nelle nostre simulazioni pubblicate in passato abbiamo ipotizzato una valutazione basata su un premio del 20% applicato al capitale investito, ossia 2,8 mld di EV sul 2018 o 3,6 mld di EV sul 2019 (1,3-1,6 mld di equity value in base alle nostre stime di debito netto di Open Fiber a fine 2018-2019). Questo range di valutazione porterebbe Cdp al 23-26% del capitale ordinario di Tim (ipotizzando la liquidazione della quota Enel) o 17-19% del capitale totale. La struttura ipotizzata”, prosegue Equita, “e” funzionale a cogliere alcuni degli obiettivi principali delle controparti: mantenimento del controllo sulla rete da parte di Tim, ruolo strategico di Cdp nell”assetto complessivo. Ci sono pero” alcuni aspetti ancora complessi da definire che derivano per esempio dal venir meno della caratteristica di operatore non verticalmente integrato per Open Fiber. Il tema della valutazione puo” essere un altro ostacolo. Esiste anche un rischio che il deal non si chiuda su temi valutativi, soprattutto per la posizione di Enel”, conclude Equita. 

Comments are closed.