Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RUMORS E NEWS DELLL’11 DICEMBRE

bceRUMORS E NEWS DELLL’11 DICEMBRE

BCE

L’attenzione degli investitori si rivolgera’ alle Banche centrali. Citigroup si aspetta che la Banca centrale europea riveda al rialzo le previsioni di crescita e inflazione e pensa inoltre che la Bce manterra’ un tono accomodante per evitare che il mercato inizi gia’ ad anticipare le tempistiche del primo rialzo dei tassi.

– E’ probabile che la Bce ritardi l’attuazione delle nuove regole sui non performing loans (npl) di qualche mese perchè ha bisogno di tempo per elaborare la reazione del settore bancario, ha detto il responsabiledella supervisione bancaria della Bce, Danièle Nouy, in un’intervista a un giornale portoghese.”Penso che questo processo di analisi ci prenderà un mese o due”, ha detto Nouy a Público. “E’ molto probabile che l’attuazione sia ritardata diqualche mese”.
“Comunque, non cambia molto se si verifica il primo gennaio, il primo aprile o il primo giugno”, ha spiegato Nouy, aggiungendo che non ci sono ragioni per un rinvio fino al 2019.

BAMI

Stando a quanto riportato dai giornali, tra oggi e domani dovrebbero arrivare al Banco BPM  le offerte vincolanti per il portafoglio da 2 miliardi crediti inesigibili (1,8 miliardi stando al Sole24ORE), soprannominato Sun. Al momento sono 7 gli interessati al portafoglio; tra questi, Banca Ifis Deutsche Bank  Kruk, Anacap e altri tre fondi. Sempre stando al Sole24ORE, Banco BPM, nel 2018, potrebbe cedere sofferenze per un controvalore di 5/5,5 miliardi con le garanzie statali. La banca dovrebbe ricevere, nei primi mesi del 2018, l’approvazione degli IRB-A (modelli dei rating interni per il calcolo della copertura patrimoniale) per gli asset dell’ex Popolare di Milano.

TOYOTA

Toyota presentera’ una versione ridisegnata della berlina Avalon durante l’auto show di Detriot del prossimo mese. A riportare la notizia e’ Bob Carter, capo delle vendite Toyota negli Stati Uniti. Al modello verra’ applicato il nuovo approccio di progettazione Toyota New Global Architecture (TNGA). La casa automobilistica giapponese sta investendo 1,3 miliardi nella fabbrica della berlina in Kentucky per costruire le nuove auto con design rivisitato. La nuova Avalon sara’ pronta nel 2018, ma Toyota aspettera’ un cambio di preferenze dei consumatori prima di immettere la berlina sul mercato. Secondo gli analisti di Autodata, le vendite della berlina negli Stati Uniti sono scese del 10% anno su anno.

LEONARDO

Bae Systems ha annunciato un nuovo contratto dal Qatar da circa 5 mld gbp per la fornitura di 24 caccia Typhoon. La stampa ricorda che Leonardo ha il 37% del consorzio che costruisce i Typhoon.

FED

-In vista del meeting della Federal Reserve della prossima settimana, Bnp Paribas riferisce che il mercato sta prezzando con una probabilita’ del 98,3% un rialzo dei tassi di 25 punti base a dicembre. Gli analisti si concentreranno quindi sulle possibili indicazioni di politica monetaria relative al prossimo anno.

Gli analisti di Bank of America – Merrill Lynch in occasione della riunione della Federal Reserve della prossima settimana dichiarano che “come ampiamente anticipato dai mercati, ci aspettiamo che la Fed aumenti i tassi di 25 punti base il 13 dicembre”. Il meeting di fine anno “ci dara’ un’idea di come il Fomc vede l’evoluzione dell’economia andando verso il 2018. Sara’ importante vedere se la Fed includera’ il potenziale impatto della riforma fiscale” nelle proprie considerazioni, sottolineano gli

UNICREDIT

Domani, dalle 9 fino alle 14:00, si terrà il Capital Day di Unicredit In questa occasione, Jean Pierre Mustier, amministratore delegato del gruppo bancario milanese, aggiornerà il mercato sullo stato di avanzamento del piano industriale presentato lo scorso dicembre.analisti.

GO INTERNET

La società ha reso noto che nel mese di novembre sono stati acquisiti 339 clienti all’interno del segmento 4G lte e 239 clienti nel 4G Wimax oltre a 53 clienti nel segmento Fiber to Home (banda ultralarga). Risultati ottenuti nelle sole regioni Emilia Romagna, Marche e nella città di Perugia (banda ultralarga)
Ricordiamo che nel mese di Ottobre la società aveva registrato complessivamente nel segmento 4G wireless e nel Fiber To The Home 41.518 clienti al 31 ottobre 2017, +13% rispetto allo stesso periodo del 2016. La società ha riportato i seguenti risultati semestrali:

1) Ricavi di vendita +14% pari a 3,458 milioni di euro (3,042 milioni di euro al 30 giugno 2016).
2) EBITDA +5% pari a 1,547 milioni di euro (1,468 milioni euro al 30 giugno 2016).
3) Utile netto pari a -19 mila euro (96 mila euro al 30 giugno 2016).
4) Posizione finanziaria netta pari a 4,062 milioni di euro (2,355 milioni di euro al 31 dicembre 2016).
5) Clienti +16%, pari a 40.494 (34.975 al 30 giugno 2016).
Inoltre, nel primo semestre 2017 Go Internet è entrata in una nuova area di business a seguito dell’accordo commerciale con Open Fiber (gruppo Enel ) e ha provveduto al lancio commerciale del servizio a banda ultra larga fino 1 Gbps in modalità Fiber to the Home (FTTH) nella città di Perugia con possibilità di estensione in tutti i comuni d’Italia previsti dal piano strategico di Open Fiber.

Comments are closed.