Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Rumors e Borse del 15 Maggio

ENI

L`assemblea  ha proceduto oltre all`approvazione del bilancio anche al rinnovo degli organi sociali. Determinato in 9 del numero degli Amministratori, sono stati eletti i componenti il Consiglio di Amministrazione in carica per tre esercizi: confermata la nomina di Lucia Calvosa Presidente ed il mandato dell`Ad Claudio Descalzi, i consiglieri sono Ada Lucia De Cesaris, Filippo Giansante, Pietro Angelo Mario Antonio Guindani, Karina Audrey Litvack, Emanuele Piccinno, Nathalie Tocci e Raphael Louis L. Vermeir.

Dividendo stacchera’ il 18 Maggio
ENI 0,43 euro saldo)
(0,43 euro acconto 2019 23/9/2019

BTP ITALIA, CEDOLA

Il Tesoro fissa oggi la cedola minima garantita che staccherà il nuovo Btp Italia maggio 2025, il cui collocamento al canale retail si apre lunedì mattina e prosegue secondo la classica modalità ‘a rubinetto’ fino a mercoledì sera. Al termine dell’offerta al dettaglio, per la precisione giovedì mattina, prima del via libera agli ordini degli istituzionali, il ministero dell’Economia comunica la cedola finale, che tradizionalmente conferma la prima indicazione ma in qualche caso è stata ritoccata al rialzo.

APPUNTAMENTI MACRO

Ore 08:00 Germania: PIL, 1Q preliminare;
Ore 08:45 Francia: Inflazione, aprile finale;
Ore 10:00 Italia: Ordini industriali, marzo;
Ore 11:00 Eurozona: PIL, 1Q preliminare;
Ore 14:30 Usa: Vendite al dettaglio, aprile;
Ore 15:15 Usa: Produzione industriale, aprile;
Ore 16:00 Usa: Sentiment Universita’ del Michigan, maggio preliminare.

UBI

La Fondazione Crc non ha modificato la propria quota azionaria detenuta in Ubi Banca, pari al 5,908% dell’istituto oggetto di un’Ops annunciata lo scorso febbraio da Intesa Sanpaolo .

BORSE ASIA 

Le Borse dell’area Asia Pacifico, stamattina in lieve rialzo, si avviano a chiudere la settimana con perdite nell’ordine dell’1%.  Il CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzen è sulla parità a poche ore dalla pubblicazione di dati macroeconomici sull’economia della Cina positivi solo a metà. In aprile la produzione industriale è salita del 3,9% anno su anno, dal -1,1% di marzo, molto più delle previsioni del consensus (+1,5%). Le fabbriche hanno riaperto e producono, anche per effetto degli stimoli e degli aiuti arrivati dallo Stato, ma i consumatori restano cauti: il mese scorso le vendite al dettaglio sono scese del 7,5%, più delle stime degli analisti. Gli investimenti in beni fissi sono scesi nei primi quattro mesi dell’anno del 10%, dal -16% dei primi tre mesi. La disoccupazione nelle aree urbane è salita a 6%, da 5,9% di marzo.
La prossima settimana il Congresso del Popolo della Cina, l’organo esecutivo, dovrebbe deliberare le linee guida di politica economica, compresi eventuali nuove misure di sostegno al sistema finanziario e produttivo. I provvedimenti presi da banca centrale e governo, pur essendo stati rilevanti, non sono paragonabili alle misure ciclopiche messe in campo dagli Stati Uniti ma anche da altre economie avanzate, come Germania, Giappone o Francia. Da qui a fine anno la Cina potrebbe ridurre il gap con il resto del mondo, in termini di aiuti, finanziari ed economici.

La Borsa di Tokyo + 0,63% , Hong Kong + 0,14%,  Sidney+  0,9%. Sulla parità il Kospi di Seul.

Il mercato azionario dell’India ha aperto in lieve ribasso, dopo il -2,7% di ieri. A fronte della riluttanza delle banche ad erogare finanziamenti al sistema delle imprese, il governo ha preso la decisione di mettere a disposizione 62 miliardi di dollari alle piccole e medie aziende ed alle microfinanziarie che di norma forniscono il credito a questo comparto produttivo.

BORSA USA

Ieri sera l’S&P500 di Wall Street ha chiuso in rialzo, dopo qualche sbandamento iniziale. L’S&P 500 ha guadagnato l’1,1% a 2.850 punti grazie alla spinta delle banche. Bank of America +4%, JP Morgan +3,5%, Wells Fargo +6,7% e Capital One +9%. L’indice di settore, il KBW, è salito del 3,9% dopo tre giorni di ribasso.Piu’ marcata la crescita del Dow Jones (+1,6%), mentre il Nasdaq avanza dello 0,9%. Chiude in verde anche il Russell 2000 (+0,3%) recuperando oltre quattro punti percentuali di precedente discesa.
VIX in caduta di oltre sette punti percentuali a 32,6 punti dopo un massimo intraday (+11%) a quota 39,20.
La partenza negativa in scia all’ ennesimo dato negativo delle nuove richieste di sussidi di disoccupazione, che hanno sfiorato le tre milioni di unita’, e’ stata compensata dai rumors di un nuovo pacchetto di stimoli fiscali che sarebbe lanciato da Washington per rilanciare l’ economia.
In evidenza ieri i due settori piu’ penalizzati da inizio anno: finanziari (+2,5%) ed energia, quest’ ultimo in scia all’ ennesimo rimbalzo del prezzo del petrolio che e’ salito del nove per cento a quota 27,35 dollari al barile.

Keefe, Bruyette & Woods, ha detto ieri che le banche degli Stati Uniti non dovrebbero aver alcun problema a pagare il dividendo, in quanto stanno affrontando la crisi economica provocata dalla pandemia in condizioni di gran lunga migliori di quelle del 2008, quando furono le artefici della crisi finanziaria culminata con il fallimento di Lehman Brothers.  Per effetto della debolezza delle ultime settimane,  l’indice KBW delle banche ha toccato livelli del tutto incoerenti alle prospettive insite nei fondamentali, soprattutto se il confronto è con i tech: il ratio con il Nasdaq 100 è sceso questa settimana sui minimi storici ed è quasi il 40% sotto la media degli ultimi 200 giorni: Bay Crest Partners ritiene che è un buon momento per uno switch dai tecnologici alle banche.

FINCANTIERI

Il gruppo, che ha chiuso il primo trimestre con ricavi pari 1,3 miliardi e un Ebitda in calo a 72 milioni, ha reso noto che sta valutando con le società armatrici la revisione delle date di consegna delle navi in portafoglio, al fine di evitare la cancellazione di ordini già acquisiti.
Fincantieri ha inoltre spiegato che i risultati dell’esercizio saranno impattati dalla minore produttività dei cantieri, dalle spese extra per la sicurezza dei dipendenti, dai costi per gestire i ritardi nelle forniture e dalla ridefinizione dei temi di consegna delle navi.

BANCHE CENTRALI

Il governatore di Banca di Francia Francois Villeroy de Galhau ha detto ieri che Francoforte non consentirà che i rendimenti dei bond vadano fuori controllo.Gli istituti centrali proseguono nello sforzo di sostenere l’economia alle prese con una crisi senza precedenti dagli anni Trenta. Secondo gli economisti coinvolti in un sondaggio Reuters, la Bce intensificherà l’acquisto di bond il mese prossimo, mentre la recessione nel blocco si prospetta sempre più pesante. Sulla base di un’analisi pubblicata ieri da Reuters — che calcola a oltre 15.000 miliardi di dollari le risorse messe in campo a livello globale tra governi e banche centrali — l’ingente aumento della spesa pubblica e delle misure di stimolo rischia di compromettere in particolare la situazione dei paesi in via di sviluppo e di quelli più indebitati. Intanto negli Usa, dove il virus ha infettato quasi 1,4 milioni di persone con oltre 83.000 morti, il presidente di Fed Dallas Robert Kaplan invita a investire massicciamente sui test per il coronavirus per poter avere una ripresa economica più rapida.

AVIO

Ha chiuso il primo trimestre con ricavi a 80 milioni, in linea con i primi tre mesi del 2019, e un Ebitda reported in crescita del 3,9% a 7,2 milioni di euro. Il Ceo Giulio Ranzo ha spiegato che la società guarda con “fiducia ai prossimi mesi essendo pronti a realizzare i lanci previsti”.

EUROGRUPPO

Nella giornata dell’Eurogruppo, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ribadisce in un’intervista al quotidiano la Repubblica che il ‘Recovery Fund’ — di almeno mille miliardi nelle aspettative dell’Italia — deve partire subito e avere una quota significativa di finanziamenti a fondo perduto. Un eventuale ricorso al Mes, dice, verrà valutato a tempo debito, e auspica che il fondo europeo contro la disoccupazione ‘Sure’ possa essere operativo il 1° giugno.Dopo l’approvazione del decreto “Rilancio” da 55 miliardi di euro, con cui sembrano rientrate le divisioni che avevano scosso la maggioranza, il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli sulla Stampa chiede più contributi a fondo perduto. Per il Sole 24 Ore, imprese in rivolta per le responsabilità legate al Covid-19.

DIBATTITO EUROPA – Nuova riunione dei ministri finanziari della zona euro, con l’agenda che resta dominata dalle risposte alla crisi sanitaria ed economica del coronavirus. Sarà anche la prima occasione per Gualtieri di illustrare ai colleghi i contenuti del decreto ‘Rilancio’.Partecipano all’incontro in rappresentanza della Bce anche Christine Lagarde e Fabio Panetta, che ieri definiva opportuno un aumento della spesa pubblica per contrastare le ricadute del Covid-19, definendola una misura anticiclica in grado di contenere il rialzo dei rendimenti dei paesi più colpiti.Secondo la numero uno del Fondo monetario internazionale Kristalina Georgieva, la Germania potrebbe fare di più per stabilizzare l’Europa, e i ‘coronabond’ sono un possibile strumento per far fronte alla crisi.

MASSIMO ZANETTI BEVERAGE GROUP

Attenderà ancora due o tre mesi prima di valutare l’impatto della pandemia sul proprio business. Lo ha detto il presidente e CEO Massimo Zanetti commentando i risultati del primo trimestre che hanno mostrato un calo dell’Ebitda.

FNM

Il Gruppo FNM ha chiuso il primo trimestre 2020 con ricavi consolidati a 71,7 milioni, in calo dell’ 1,3% rispetto al periodo comparativo dell’ esercizio precedente, principalmente per via della contrazione nel trasporto su gomma (-11,9% a 25,1 milioni), parzialmente compensata dalle altre aree di business (Gestione infrastruttura ferroviaria +7,1% a 32,3 milioni e Rosco & Services +0,5% a 20,3 milioni).
L’ Ebitda e’ pari a 19,9 milioni (28% dei ricavi consolidati), in crescita del 14,4%, principalmente per un effetto timing derivante dai minori costi per il posticipo di alcuni interventi infrastrutturali previsti dal Contratto di Programma con Regione Lombardia a seguito dell’ emergenza sanitaria.
La voce ammortamenti e accantonamenti presenta una sostanziale stabilita’ rispetto al primo trimestre dell’ esercizio precedente; di conseguenza, l’ Ebit e’ pari a 9,6 milioni, in crescita del 31,5%.
L’ utile netto consolidato Adjusted del Gruppo del primo trimestre 2020, ante risultato delle societa’ collegate valutate ad equity, ammonta a 7,7 milioni, in crescita del 51%. L’ utile netto consolidato complessivo del Gruppo del primo trimestre 2020, dopo il risultato delle societa’ collegate valutate ad equity e la quota di pertinenza di terzi, scende a 0,6 milioni rispetto ai 6,6 milioni del 1Q 2019.
La posizione finanziaria netta rettificata al 31 marzo 2020 e’ positiva per 46,5 milioni, in miglioramento rispetto ai 39,9 milioni al 31 dicembre 2019 per effetto della positiva generazione di cassa del Gruppo. La pfn Adjusted esclude gli effetti derivanti dall’ applicazione dell’ IFRIC 12, ossia l’ importo relativo agli anticipi incassati sugli investimenti per il rinnovo del materiale rotabile finanziato da Regione Lombardia (al 31 marzo 2020 pari a circa 70 milioni).
Con riferimento all’ emergenza coronavirus, allo stato attuale il Gruppo si attende un impatto negativo sui ricavi e sull’ Ebitda rettificato in un range tra il 12 ed il 14% rispetto all’ esercizio precedente.

DATALOGIC 

Datalogic ha chiuso il primo trimestre dell”anno con un risultato negativo per 4,3 mln di euro rispetto all”utie di 12,6 milioni di euro al 31 marzo 2019. I ricavi, spiega una nota, ammontano a 124,2 milioni (-14,2% a/a). Il margine lordo di contribuzione cala a 58 milioni di euro (-17,4% a/a), con un”incidenza sul fatturato al 46,7%. L”Ebitda adjusted ammonta a 7,3 milioni di euro; Ebitda margin Adjusted al 5,9%. L”indebitamento finanziario netto e” pari a 21 mln.

UNIPOL

Unipol ha archiviato il primo trimestre 2020 con un utile netto di 134 milioni (-21,5% a/a).
La raccolta premi e’ scesa a 3.119 milioni (-6,1% rispetto al periodo di confronto), di cui 1.980 milioni generati dal ramo danni (-1,5% su base annua) e 1.139 milioni dal segmento vita (-13,2% rispetto al primo trimestre 2019).
Sul fronte della solidita’ patrimoniale, al 31 marzo 2020 il Solvency ratio si fissa al 155% (187% a fine 2019).

ASTM

Il Cipe ha approvato la revisione dei piani economico-finanziari delle società SATAP Tronco A4 Torino-Milano e Asti-Cuneo S.p.A. legate tra loro da un’operazione di cross-financing finalizzato al completamento dei lavori di costruzione dell’autostrada A33 Asti-Cuneo.

DOXEE

La società ha avviato l’iter per l’acquisizione di una quota di maggioranza, fino al 91%, di Littlesea, azienda specializzata nella produzione di video interattivi e automatizzati, che sfruttano l’analisi dei dati e l’intelligenza artificiale. Doxee ha firmato un accordo preliminare vincolante, riguardante il  61% del capitale sociale, che dovrebbe perfezionarsi quest’anno ad agosto. Il prezzo di acquisto è calcolato sulla base del valore di 3.000 euro per ciascuna quota, pari all’1% del capitale sociale acquisito, e verrà corrisposto interamente per cassa al closing. L’operazione rientra nella strategia di crescita della società, che prevede l’espansione, per la linea di prodotto interactive experience, verso il mercato SME e delle Digital Agency, con l’adozione di un modello di business in SaaS basato su sottoscrizione. Il Ceo Sergio Muratori Casali, ha dichiarato: “Siamo certi che l’entrata di Littlesea e l’integrazione con  la nostra  piattaforma tecnologica Doxee  Platform ci consentirà  di  ampliare  la  nostra  offerta  attuale di  video  dinamici  e  personalizzati…puntiamo al mercato SME con una nuova offerta per Retail, E-commerce, Automotive ed Editoria anche attraverso le Digital Agency. In questi settori la domanda di servizi in subscription è in forte crescita soprattutto a livello internazionale ed in particolare nell’area EMEA e LATAM”.

SOLE 24ORE 

– Ha riportato nel primo trimestre una perdita netta di 5.9 milioni di euro, in peggioramento rispetto al rosso di 1,7 milioni registrato un anno prima.

EDISON

Ritiene prematuro confermare la previsione elaborata in precedenza per il margine operativo dell’intero 2020. Nel primo trimestre ha registrato un calo dei ricavi del 24% a 1,8 miliardi di euro.

APPUNTAMENTI
ITALIA
Borsa, scadenza futures su azioni e opzioni.

FTSE MIB
Assemblea: Poste Italiane (14,00).

Unipol e UnipolSai, comunicato trim1 (7,00), segue conference call (12,00).

ALTRE QUOTATE
Cattolica Assicurazioni, comunicato trim1; segue conference call (10,30).

Conference call trim1: Fincantieri (9,00).

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, fatturato e ordinativi industria marzo (10,00).

Istat, prezzi consumo finali aprile (11,00) – attesa indice Nic 0,1% mese, variazione annua nulla; indice armonizzato 0,5% mese, 0,1% anno.

FRANCIA
Prezzi consumo finali aprile (8,45) – attesa indice nazionale 0,1% mese, 0,4% anno; armonizzato 0,1% mese, 0,5% anno.

GERMANIA
Prezzi produzione aprile (8,00) – attesa -0,6% mese, -1,8% anno.

Stima Pil trim1 (10,00) – attesa -2,2% trimestre, -1,6% anno grezzo, -2% anno destagionalizzato.

PORTOGALLO
Stima Pil trim1 (10,30).

ZONA EURO
Stima occupati trim1 (11,00) – attesa -0,4% trimestre, 0,2% anno.

Saldo bilancia commerciale marzo (11,00).

Stima Pil trim1 (11,00) – attesa -3,8% trimestre, -3,3% anno.

USA
Indice maninaffuriero Fed New York maggio (14,30) – attesa -63,50.

Vendite dettaglio aprile (14,30) – attesa -12 mese.

Produzione industriale e manifatturiera, percentuale utilizzo impianti aprile (15,15) – attesa -11,5% mese per produzione, -13% mese per manifattura, 64% percentuale utlizzo impianti.

Scorte industria marzo (16,00) – attesa -0,2% mese.

Stima fiducia consumatori Università Michigan maggio (16,00) – attesa 68.

Flussi netti investimenti marzo (22,00).

ASTE TITOLI DI STATO
ITALIA
Btp Italia maggio 2025, Tesoro comunica tasso reale annuo minimo garantito.

BANCHE CENTRALI
ITALIA
Banca d’Italia pubblica supplemento a bollettino statistico “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” di marzo.

USA
Dallas, intervento presidente Fed Dallas Robert Kaplan (0,00).

APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, convocato Cdm (12,00).

EUROPA
Bruxelles, conferenza stampa Michel Barnier dopo terzo round colloqui su Brexit (13,00).

Bruxelles, conferenza stampa presidente parlamento Ue David Sassoli su Covid-19 e piano risanamento Ue (13,30).

Eurogruppo, partecipano per Bce presidente Lagarde e consigliere Panetta.

Bruxelles, riunione ministri Affari esteri.

Bruxelles, riunione ministri Industria e Mercati Interni.

Austria, Fitch e Moody’s si pronunciano su rating sovrano.

Cipro, Dnrs si pronuncia su rating sovrano.

Francia, Fitch si pronuncia su rating sovrano.

Islanda, S&P Global si pronuncia su rating sovrano.

Olanda, S&P Global si pronuncia su rating sovrano.

Comments are closed.