Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Rumors e News del 13 Gennaio

ATLANTIA 

Il Ministero dell’Economia vuole procedere con estrema prudenza sulla strada di un’eventuale revoca delle concessioni autostradali del gruppo a causa delle numerose perplessità circa gli esiti di uno scontro legale aperto con Atlantia, che potrebbe costare alle casse dello stato almeno 7-8 miliardi di euro, scriveva sabato Il Messaggero.Il gruppo infrastrutturale è pronto a ripartire con la vendita del 49% della controllata Telepass, dopo offerte lo scorso anno che valutavano tutta la società più di 2 miliardi.Aiscat, l’associazione delle società concessionarie italiane, e la controllata Autostrade per l’Italia hanno rassicurato riguardo allo stato dei tunnel sulla rete italiana dopo che alcuni quotidiani hanno parlato di duecento gallerie pericolose.-“La decisione arrivera” presto e poggera” su solide basi tecnico-giuridiche”. Lo ha detto al Corriere della Sera il premier, Giuseppe Conte, parlando della decisione del governo per la revoca delle concessioni ad Autostrade per l”Italia. “Ormai e” evidente che sono emerse gravissime inadempienze nella gestione delle infrastrutture autostradali -ha sottolineato Conte- La vocazione di questo governo e” di tutelare l”interesse pubblico, non di assicurare un futuro vantaggioso ai concessionari privati, tanto piu” se inadempienti”. “Gli investitori stranieri -ha precisato il premier- sanno che anche nei rispettivi Paesi di provenienza vi sono sistemi legali che prevedono rimedi molto severi in caso di breach of contract, di inadempimenti cosi” gravi. Quando poi ci sono interessi pubblici cosi” evidenti e 43 vittime eviterei di richiamare a sproposito formule come “certezza del diritto” o “stato di diritto”. In uno stato di diritto la sicurezza dei cittadini e” al primo posto. Punto”.

ENI

-Dall”annosa rincorsa dei francesi alla minaccia turca. Eni finora ha mantenuto ben salda la sua leadership energetica in Libia, con una produzione che nel 2019 e” riuscita a non scendere troppo sotto la soglia dei 300 mila barili al giorno. Ma, scrive Milano Finanza, nella polveriera nordafricana non puo” piu” esserci rendita di posizione. E davanti ai possibili effetti di un intervento di Ankara, le mire di Parigi sui giacimenti libici oggi sembrano quasi innocue. Molti osservatori stanno evidenziando il rischio che possano essere proprio i turchi a risolvere la crisi nel Paese nordafricano, perche” il prezzo di una ritrovata stabilita” potrebbe passare proprio per le riserve di petrolio e gas di Tripoli. Oggi la Turchia ha gia” un piede ben piantato nel mercato libico con la sua Turkish Petroleum Corporation, e i rapporti sono piu” che solidi con Noc (National oil company), la compagnia petrolifera di Stato. Piu” volte nell”ultimo anno la diplomazia e il governo di Ankara hanno stigmatizzato l”offensiva del generale Khalifa Haftar, ed espresso preoccupazione per i tentativi di deligittimare non solo il governo di Fayez al-Sarraj, ma la stessa integrita” di Noc, trasferendo la titolarita” di alcuni giacimenti sotto un”altra entita”. Lo stesso presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha giustificato il dispiegamento delle sue truppe in Libia con lo “scopo di far sopravvivere il governo legittimo”, rinnovando le pressioni per un cessate il fuoco entro domenica 12 gennaio.

BORSE

. Nikkei di Tokyo +0,47%, Hang Seng di Hong Kong +1,06%, CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzen +0,3%, Taiex di Taiwan +0,5%, Kospi di Seul +0,8%.

PRYSMIAN 

Il collegamento sottomarino ad alta tensione tra Scozia e Inghilterra, denominato Western Link, è stato interrotto venerdì scorso ed attualmente non è in funzione. Lo ha comunicato Prysmian, la società che ha realizzato l’infrastruttura, aggiungendo che sono in corso verifiche sulle cause. Il cavo aveva già dato origine a molteplici problemi anche in corso di attuazione del progetto.

FIAT CHRYSLER  EXOR 

La famiglia Peugeot, che avrà in mano il 6,2% del nuovo gruppo automobilistico che nascerà dalla fusione tra Fiat Chrysler e PSA punta ad incrementare la sua partecipazione il prima possibile. Lo ha detto Jean-Philippe Peugeot, uno dei membri di spicco della famiglia, in un’intervista a un quotidiano francese.

MAPS

Il Comune di Noicàttaro, in provincia di Bari, adotta Gzoom, il sistema ideato da Maps che contiene un modulo specifico per intercettare e prevenire i rischi di corruzione. Il software sarà erogato tramite NB Consulting, il partner pugliese di Maps Group.N.B. Consulting è una società specializzata nello sviluppo di sistemi di Compliance, sia per il settore pubblico che per quello privato, e fornirà al Comune di Noicàttaro una consulenza per l’aggiornamento del Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e verifica delle pubblicazioni richieste dalla legge.

CONTE

In un’intervista al ‘Corriere della Sera’ in edicola oggi il presidente del consiglio parla di una verifica di governo per fine mese, minimizzando il valore dell’imminente confronto alle regionali, e fa riferimento a “un’ampia riforma dell’Irpef” accompagnata a un’accelerazione sul piano degli investimenti. Giuseppe Conte torna brevemente anche sul dossier della revoca ad Austrade, parlando di “gravi inadempienze” nella gestione delle infrastrutture.
Secondo ‘Il Fatto Quotidiano’, proprio sulla revoca della concessione sarebbe al momento pronta un’intesa perché il Partito Democratico — da Nicola Zingaretti alla ministra De Micheli — sarebbe in linea con i 5 Stelle. Il documento conclusivo, sempre secondo il quotidiano, sarà in Cdm la settimana prossima.

TELECOM ITALIA , ENEL , INWIT

  Secondo Repubblica di sabato, gli AD di Tim, Cdp ed Enel si sono incontrati dopo la pausa natalizia per cercare di sbloccare l’impasse sulla creazione di una rete unica in fibra che combini gli asset di TIM con quelli di Open Fiber. Secondo il quotidiano, che non cita fonti, sarà Enel a prendere le redini della vendita della sua quota del 50% in Open Fiber, perché l’iniziativa di Tim, che ha avviato un processo per individuare uno o più fondi che l’affianchino nell’acquisto di Open Fiber, “è stata stoppata”, scrive il quotidiano. Una volta completato il processo, l’incontro avrebbe delineato la possibilità di una seconda fase, con l’integrazione di Open Fiber e Inwit, in cui stanno confluendo le torri di telefonia mobile di Vodafone Italia, aggiunge Repubblica.

MEDIASET 

– Ha approvato le proposte di modifica della governance della nuova holding olandese, perno del suo piano di sviluppo pan-europeo, nonostante l’opposizione da parte di Vivendi , che sta osteggiando il progetto in sede giudiziaria.

Secondo quanto riportato sabato da Adn Kronos, che citava fonti Mise, il governo segue con attenzione l’evolversi della situazione Mediaset-Vivendi “nel rispetto della piena indipendenza delle autorità di controllo e nella consapevolezza che, in questa fase storica, è importante creare aggregazioni europee nel mercato dei media e della comunicazione”, e “vede di buon occhio” l’obiettivo di un polo europeo con una forte impronta italiana.

INTESA SANPAOLO , BANCO BPM

Le due banche, che vantano crediti nei confronti di Ilva, stanno prendendo tempo nei confronti del governo, che cerca di sondare la loro eventuale disponibilità ad effettuare un investimento diretto nell’azienda siderurgica e nel suo rilancio, riportava sabato Il Messaggero.

GEOPOLITICA, CRISI IRAN/USA

Non si fermano nelle strade e nelle piazze iraniane le manifestazioni di protesta contro il regime, accusato di aver mentito — smentendolo per tre giorni — l’abbattimento del jet ucraino. Utilizzando per le prima volta la lingua farsi, Donald Trump in un tweet ha chiesto ieri alle guardie della rivoluzione di non uccidere i manifestanti, ricordando al regime iraniano che il mondo lo sta guardando.
Mobilitate dal governo, le forze anti-sommossa avrebbero reagito in maniera molto violenta, sparando contro la folla. Guida spirituale del Paese, l’ayatollah Khamenei è intervenuto su internet esortando un ‘ricompattamento’ dei Paesi arabi di fronte a una crisi dai pesanti riflessi non soltanto in Medioriente ma a livello mondiale, con gli Usa impegnati a mantenere un difficile equilibrio.

INTESA SANPAOLO 

Punta a raggiungere nel medio periodo masse amministrate per 50 miliardi di euro in Cina, secondo quanto afferma il presidente Gian Maria Gros-Pietro in un’intervista sul Sole 24 Ore di domenica. Gros-Pietro spiega inoltre che, nonostante le pressioni del regolatore, i tempi non sono ancora maturi per fusioni bancarie ‘cross-border’in quanto al momento il mercato unico bancario esiste solo sulla carta.

BANCO BPM 

Secondo Milano Finanza di sabato l’ex presidente di Mps e Cdp Massimo Tononi sarebbe tra i possibili candidati per la presidenza di Banco Bpm, dopo che la settimana scorsa Carlo Fratta Pasini ha annunciato che non si ricandiderà al prossimo rinnovo del consiglio di amministrazione dell’istituto.

BANCHE

Il fondo interbancario di garanzia dei depositi Fitd valuterà “con attenzione” la sollecitazione proveniente dal Mef di intervenire, in maniera analoga a quanto fatto per Carige, per il ristoro dei risparmiatori che hanno subito perdite a seguito della al crisi della Popolare di Bari. Lo ha detto il presidente del Fitd Salvatore Maccarone in un’intervista a La Stampa di sabato, aggiungendo che comunque qualunque intervento sarà insufficiente in confronto all’entità del danno.L’iniezione di 310 milioni di euro del Fitd in Popolare di Bari è sufficiente per mettere in sicurezza l’istituto, spiega in un’intervista a Il Messaggero di domenica uno dei due commissari della banca, Antonio Blandini. Ora il piano industriale in fase di elaborazione dovrà giungere alla corretta quantificazione del fabbisogno di capitale necessario per consentire la piena operatività imprenditoriale e commerciale della banca, aggiunge.

NEXI 

La recente vendita di una quota del 7,7% da parte del maggiore azionista, Mercury UK Holdco, potrebbe essere letta come un primo passo verso la futura integrazione di Nexi con Sia, per la creazione di un campione nazione nel settore dei pagamenti sotto il controllo di Cdp, secondo quanto scritto sabato da Il Sole 24 Ore.

ELETTRA INVESTIMENTI

La società ha perferzionato l’incorporazione delle partecipate Alea Sevice e Tholos PHP, completando il processo di razionalizzazione della struttura del gruppo. Negli ultimi dodici mesi, il gruppo ha ridotto il numero complessivo delle partecipate.La nuova struttura è composta da una Service Company, Elettra Investimenti, che impiega la maggior parte dei dipendenti e eroga servizi di efficienza energetica che includono, oltre al monitoraggio e alle diagnosi energetiche, la realizzazione di impianti fotovoltaici, di microgenerazione, di HVAC di relamping, nonché servizi di gestione e manutenzione di impianti per la produzione di energia elettrica. Alla Sevice Company si aggiunge un Asset Company, Alea Energia, che detiene la proprietà di impianti cogenerativi alimentati a gas, olio vegetale e grasso animale, da fonte fotovoltaica e a biogas, ed è inoltre attiva sul Mercato dei Servizi di Dispacciamento gestito da Terna, nel quale si è recentemente aggiudicata in asta una quota di capacità produttiva di energia elettrica di oltre 200 megawatt per gli anni 2022 e 2023. Il gruppo include anche e un numero limitato di altre partecipate nelle cui compagini societarie sono presenti soci di minoranza attivamente coinvolti nella gestione operativa delle stesse.

HERA 

L’utility farà leva anche sull’M&A e su joint venture “verticali” su singole filiere, per raggiungere il proprio obiettivo di 3,5 milioni di clienti nel settore energia, afferma il presidente esecutivo Tomaso Tommasi di Vignano in un’intervista a Il Sole 24 Ore di sabato. “Abbiamo una flessibilità finanziaria che ci permetterà di cogliere eventuali opportunità non inserite nel piano” afferma.

JUVENTUS  AS ROMA 

La Juventus chiude in testa il girone di andata della Serie A con due punti di vantaggio sull’Inter grazie alla vittoria in trasferta di ieri sera sulla Roma , per 2-1. La squadra torinese si laurea pertanto ‘campione d’inverno’.
La società ha appena completato con successo un aumento di capitale da 300 milioni di euro. L’azionista di maggioranza Exor  ha sottoscritto e versato integralmente la quota di propria spettanza dell’aumento di capitale (pari al 63,8% del capitale sociale di Juventus), per un importo complessivo di circa 191,2 milioni di euro.’.

LAZIO 

Con l’1-0 di sabato all’Olimpico su Napoli conquista la decima vittoria consecutiva in campionato, record per il club biancoceleste.

BIOERA 

Ha annunciato che in data 23 dicembre è stata sottoscritta una transazione con la società Idea Team, per “porre fine ai giudizi in essere, nonché evitare l’instaurarsi di azioni volte al risarcimento di danni”. In base all’accordo Bioera, la controllata Ki Group e la controllante Biofood Italia verseranno a Idea Team la cifra complessiva di 3,5 milioni di euro.

RETELIT 

Ha annunciato di aver posticipato dal 10 al 14 gennaio la data per la chiusura dell’operazione di acquisizione del 100% del gruppo Partners Associates “al fine di consentire il perfezionamento di alcuni adempimenti tecnici preliminari”.

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, commercio al dettaglio novembre (10,00).

Ocse, composite leading indicator novembre (12,00).

GERMANIA
Indice prezzi all’ingrosso dicembre (8,00).

GRAN BRETAGNA
Stima Pil novembre (10,30) – attesa variazione mensile nulla, +0,6% anno.

Produzione industriale novembre (10,30) – attesa -0,2% mese, -1,4% anno.

Produzione manifatturiera novembre (10,30) – attesa -0,3% mese, -1,7% anno.

Bilancia commerciale novembre (10,30) – attesa deficit 11,7 miliardi sterline con Ue, 3,5 miliardi extra-Ue.

GRECIA
Prezzi consumo dicembre (11,00) – attesa indice nazionale e armonizzato 0,7% anno.

PORTOGALLO
Prezzi al consumo dicembre (12,00).

CINA
Attesa fino al 17 gennaio M2 dicembre – attesa 8,3% a/a.

ASTE TITOLI DI STATO
EUROPA
Germania, Tesoro offre 2 miliardi Bubill scadenza aprile 2020.

BANCHE CENTRALI
USA
Atlanta, intervento presidente Fed Atlanta Raphael Bostic (18,40).

Hartford, intervento presidente Fed Boston Eric Rosengren (16,00).

APPUNTAMENTI
ITALIA
Milano, viceministro Sviluppo economico Stefano Buffagni introduce workshop “Presentazione di misure e incentivi per la valorizzazione di brevetti, marchi e disegni” (10,00).

Milano, inizia “3° forum dei commercialisti ed esperti contabili. I professionisti davanti alle sfide dell’economia digitale” (14,30); termina il 15 gennaio. Oggi sono attesi Gualtieri, sottosegretari ministero Economia Castelli e Baretta, sottosegretario Presidenza del Consiglio Turco.

MEDIO ORIENTE
Abu Dhabi, inizia vertice internazionale su’acqua, termina il 16 gennaio.

Comments are closed.