Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Rumors e news del 18 aprile

PLT ENERGIA

-Borsa Italiana ha disposto che le azioni di Plt Energia siano sospese dalle negoziazioni sull”Aim Italia nelle sedute del 24 e 25 aprile 2019 e revocate a partire dalla seduta del 26 aprile 2019.

GO INTERNET

Sono arrivate due novità sul 5G. La prima riguarda il Fixed Wireless Access, che grazie alla nuova tecnologia diventerà un’alternativa competitiva alle soluzioni di accesso con modalità fiber-to-the-home (FTTH). Un contesto particolarmente positivo per GO internet, che utilizza la tecnologia Fixed Wireless Access e detiene le frequenze in banda 3.5 gigahertz , prorogate fino al 2029, su cui viaggerà il 5G. Infatti, grazie all’alleanza con Linkem, che è anche il primo azionista con il 21,2% di capitale, la società sta trasformando la propria rete in una rete 5G ready.L’altra notizia riguarda Qualcomm e Swisscom, che hanno annunciato l’arrivo delle reti 5G in Svizzera e in Europa. A breve arriveranno anche i primi dispositivi compatibili. Il 5G è arrivato in Europa con il lancio della rete 5G di Swisscom.

MAPS

La società, nell’ambito del progetto Liguria 4P Health cofinanziato dalla Regione Liguria, sta sviluppando una piattaforma che permette il censimento in anonimo dei soggetti potenzialmente cronici.L’operazione sarà svolta utilizzando le informazioni cliniche presenti, in forma narrativa, all’interno dei documenti sanitari. 
Questo censimento permetterà di individuare con maggior precisione i soggetti cronici, limitando le situazioni di falsi positivi e falsi negativi.
Le informazioni saranno estrapolate attraverso un’elaborazione semantica avanzata e messe a disposizione degli algoritmi di individuazione dai soggetti cronici stessi.  
Si tratta della prima esperienza di questo tipo a livello nazionale e internazionale. Infatti, sinora le elaborazione sulle banche dati sono state effettuate in modo tradizionale, ovvero utilizzando solo le informazioni ricavate dai flussi informativi riguardanti i consumi sanitari (ricoveri, farmaci, prestazioni ambulatoriali e diagnostica strumentale). 

CELLULARLINE

Cellularline ha presentato a Borsa Italiana la domanda di ammissione a quotazione delle proprie azioni ordinarie e dei propri warrant sul Mercato Telematico Azionario e, ove ne ricorrano i presupposti, sul segmento STAR. 
La presentazione della domanda di ammissione a Borsa Italiana segue l’ avvenuto deposito presso Consob della richiesta di autorizzazione alla pubblicazione del prospetto informativo relativo all’ ammissione alle negoziazioni su MTA delle azioni ordinarie e dei warrant della Societa’. 
La transizione dal Mercato AIM Italia al MTA – a giudizio del management – consentira’ alla Societa’ di beneficiare di una maggiore liquidita’ del titolo e di conseguenza di un maggiore interesse da parte del mercato e degli investitori istituzionali italiani ed internazionali, nonche’ di una maggiore visibilita’ sui mercati europei di riferimento con conseguenti ulteriori vantaggi in termini di posizionamento competitivo. 
Si ricorda che la quotazione delle azioni ordinarie e dei warrant della Societa’ sul MTA e’ subordinata al completamento degli adempimenti formali e sostanziali richiesti dalle competenti Autorita’ ed alle necessarie autorizzazioni da parte delle stesse.

SALINI

Potrebbero servire da 400 a 500 milioni per ricapitalizzare il polo Salini Impregilo comprendente Astaldi. Negli ultimi giorni, a Milano, si sarebbero tenute riunioni fra Vitale e Merrill Lynch, advisor Salini e le banche creditrici per 1,1 miliardi per cassa nei confronti del gruppo in concordato. Nella serata di martedi” 16 aprile, scrive Il Messaggero, ci sarebbe stato un incontro con alti dirigenti di Unicredit, Intesa Sp e Banco Bpm; ieri con gli uomini di Bnp, Calyon, Mps, Bper, Ing, Hsbc e altri istituti. Il consulente ha riproposto il piano per il salvataggio di Astaldi che, secondo l”offerta Salini, sulla base di un piano di concordato, deve ricapitalizzarsi per 225 milioni, con le banche chiamate a convertire i crediti in capitale. Quest”operazione rientra in una manovra di sistema nella quale unruolo fondamentale dovrebbe averlo Cdp partecipando a un rafforzamento di Salini il cui ammontare non e” ancora definito. Agli istituti sarebbe stato spiegato che il fabbisogno complessivo potrebbe aggirarsi tra 400-500 milioni, per Salini e” fatta la cifra tra 200-300 milioni con l”azionista Salini Simonpietro diluito dal 67 al 51%. Oltre all”apporto di Cdp, le banche devono costituire i consorzi di garanzia sulla manovra. Inoltre alle banche e” stato chiesto di sostituire Fortress nella finanza-ponte di 75 milioni ad Astaldi destinata a salire a 175 milioni e a concedere 300 milioni di garanzie. Tutte si sono riservate. 

RENERGITICA

La societa’ genovese attiva nello sviluppo di progetti a fonti rinnovabili, attraverso la controllata RSM Chile, ha concluso la vendita delle autorizzazioni per la costruzione di un impianto fotovoltaico con Building Energy Andes. 
Tale impianto, per una potenza installata complessiva pari a 6 MWp, sara’ realizzato in Cile, nel Comune di Teno, Provincia de Curico’, Regione del Maule, su una superficie di circa 11,5 ettari con produzione annua stimata di circa 12,24 GWh. 
L’ impianto si qualifica come PMGD (Pequenos Medio de Generacion Distribuita) e ha il vantaggio di poter cedere l’ intera produzione di energia in rete al prezzo stabilizzato, ovvero ad un prezzo stabile determinato dalla competente autorita’ ed aggiornato ogni sei mesi. 
Building Energy Andes e’ una controllata del gruppo Building Energy, che opera a livello mondiale come produttore indipendente di energia da fonte rinnovabile e piu’ di recente e’ attivo sul mercato cileno, dove sta sviluppando nuove collaborazioni per la realizzazione di progetti solari.

RETELIT

La società sta valutando il progetto di separazione delle attività. Da tale divisione scaturirebbero due distinti operatori, entrambi controllati dalla stessa Retelit. Una società si occuperà della gestione dell’infrastruttura in fibra, l’altra dei servizi a valore aggiunto per la clientela. L’obiettivo della separazione è quello di dotare Retelit di mezzi organizzativi e di brand capaci di accrescere la capacità commerciale e di gestire in maniera ancora più efficiente la struttura. L’analisi dell’operazione durerà circa due mesi.   Il Presidente di Retelit, Dario Pardi, ha dichiarato: “Abbiamo deciso di procedere con questa analisi e valutazione per poter attrezzare la società con un modello organizzativo che ci permetta di incrementare la nostra capacità di servire al meglio i nostri clienti e partner, nonché di evidenziare le diverse componenti del business del Gruppo. Tale ripartizione, anche in un’ottica di consolidamento di settore, ci permetterebbe una più facile identificazione delle potenziali sinergie con potenziali target nelle due specifiche aree di business”.

ENI

Si allarga fino a scuotere alcune tra le ex figure di riferimento del governo nigeriano e dell”Eni l”inchiesta per presunta corruzione internazionale nell”acquisto della licenza Opl-245. Mandati di arresto sono stati spiccati anche per due ex ministri del Paese africano. L”annuncio e” arrivato con un tweet della Efcc, la Commissione sui crimini economico-finanziari nigeriana. L”ordine d”arresto ha raggiunto anche il dirigente Eni Roberto Casula, che si era da mesi autosospeso dal gruppo per poi rientrare come manager non esecutivo, e Stefano Pujatti, responsabile finanziario di Eni East Africa, la societa” titolare dei giacimenti a gas operati dal in Mozambico. Gli ex ministri sono Dan Etete, ex titolare del Petrolio, e il generale Mohammed Adoke, gia” Guardasigilli, scrive MF. I due, come si legge nel tweet, “devono essere arrestati ovunque vengano trovati”, chiamando in causa l”Interpol oltre alla polizia nigeriana e “qualsiasi altra forza dell”ordine li trovasse anche al di fuori della giurisdizione della corte federale nigeriana”. Il provvedimento fa seguito alla decisione di un magistrato del Tribunale di Abuja. Le altre persone nel mirino della Efcc sono Raph Wezels, Sebastiano Burrato e Abubakar Aliyu.

ENEL

Anche con la partecipazione dimezzata ormai al 33%, Slovenske Elektrarne resta una presenza ingombrante nel perimetro dell”Enel . Sono gli strascichi del lungo braccio di ferro con Bratislava per la gestione della principale utility slovacca, acuito dalle polemiche sugli investimenti per il raddoppio della centrale nucleare di Mochovce, che continua ad accusare ritardi e a cumulare costi extra. L”ultima correzione al rialzo, comunicata appena 2 giorni fa, e” di 270 milioni di euro, che porta a 5,7 miliardi di euro il conto complessivo. Il ministro dell”Economia, Peter Ziga, ha detto che lo Stato slovacco, azionista col 34%, non rimettera” mano al portafoglio. Precisazione inutile, dal momento che a coprire interamente lo sforamento del budget sara” Slovak Power Holding, la jv tra Enel Produzione ed EP Slovak (sussidiaria del gruppo ceco Eph), che detiene il 66% di Slovenske Elektrarne dopo la decisione del gruppo italiano di cedere in due step la quota di maggioranza. A una situazione gia” tesa, si aggiungono ora notizie di cronaca giudiziaria, col fermo il 15 aprile scorso, all”aeroporto della capitale slovacca dell”ex presidente e dg di Slovenske elektrarne, Paolo Ruzzini (in carica fino al 2014), da parte della polizia finanziaria Naka. La scena e” stata immortalata e pubblicata sulla pagina Facebook della polizia slovacca (Policia slovenskej republiki). Il fermo, che secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza, non e” stato convalidato, avrebbe a che fare con l”ampliamento di Mochovce, e il reato ipotizzato si riferirebbe a una non meglio precisata “violazione dei propri doveri nella gestione di attivita” di terzi”, che avrebbe cagionato un danno di oltre 22 milioni di euro nella gestione di Slovenske” elektrarne. Secondo altre fonti, invece, Ruzzini sarebbe stato sentito in relazione alle indagini in corso su un”azienda fornitrice dell”ex controllata di Enel . 

FOPE

I soci di Fope hanno approvato il bilancio d’esercizio 2018 e hanno deliberato la distribuzione di un dividendo pari a 0,35 euro per azione. 
La cedola sara’ staccata il prossimo 23 aprile (record date il 24 aprile) e messa in pagamento a partire dal 25 aprile. Per gli esercizi 2019-2021 gli azionisti hanno rinnovare il Cda, che rimarra’ in carica fino all’approvazione del bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2021. Il Consiglio sara’ costituito da sei membri nelle persone di Umberto Cazzola (Presidente), Ines Cazzola, Diego Nardin, Flavio Albanese, Davide Molteni (Consigliere Indipendente) ed Elisa Teatini

TRASPORTI

Fumata bianca sul confine Italia-Austria. Il contenzioso in essere tra Pedemontana a Strabag, il gruppo estero a capo del consorzio (partecipato anche da Grandi Lavori Fincosit e Maltauro) che aveva vinto l”appalto miliardario (1,7 miliardi) per la realizzazione del secondo lotto dell”infrastruttura viaria lombarda, finisce con un accordo definitivo e tombale che non avra” impatti sui bilanci delle controparti. La decisione, scrive MF, e” arrivata dopo che lo scorso dicembre, il Tribunale di Milano aveva rigettato il ricorso presentato da Strabag nei confronti della societa” italiana controllata da Milano Serravalle (78,97%) e partecipata da Intesa Sanpaolo (17,27%) e Ubi Banca (3,34%). Adesso, invece, dopo mesi di trattativa sottotraccia, i due protagonisti della vicenda hanno deciso di deporre le armi e di definire un”intesa a costo zero per entrambe, come ha riferito il quotidiano La Prealpina. Dal canto suo, Autostrada Pedemontana Lombarda, presieduta da Andrea Mentasti ha rinunciato 260 milioni, la somma della quale avrebbe avuto diritto dopo lo stop al ricorso di Strabaga dei giudici milanesi. Con la definizione di questo accordo stragiudiziale, possono riaprirsi i cantieri del progetto di collegamento da tempo congelati. Questo perche”, il management della Pedemontana, in tempi ragionavolmente rapidi, puo” avviare la procedura di pubblicazione dei bandi di gara per l”assegnazione dell”appalto.

FCA

-L”emorragia di vendite di Fca in Europa non accenna a diminuire. In un mercato continentale che a marzo ha visto le immatricolazioni diminuire del 3,6% (a quasi 1,8 milioni di veicoli), scrive MF, il Lingotto ha registrato un calo dell”11,7% vendendo in totale quasi 107mila veicoli nell”area. La casa automobilistica di casa Agnelli ha visto cosi” ridursi ulteriormente la sua quota di mercato nel continente che e” scesa dal 6,6 al 6% relegando Fiat Chrysler Automobiles alla settima posizione continentale dietro a Volkswagen , Peugeot , Renault , Bmw, Hyundai e Ford. Un altro segno che quella che una volta era la Fiat e” ormai un gruppo con un baricentro stabilmente spostato sugli Stati Uniti e, in parte, Brasile. Tornando alle immatricolazioni, a pesare sui numeri del Lingotto e” stata la pessima performance sul mercato italiano, che rappresenta tuttora la roccaforte europeo di Fca . Un mercato che a marzo e” calato del 9,6% (tra i peggiori nel continente) e in cui la casa atuomobilistica torinese ha visto calare le proprie vendite del 19%. 
red/lab 

IVS

Ivs Group ha partecipato il 16 aprile e il 17 aprile allo ‘ Smallcap Event’  di Parigi arrivato alla sua 14-esima edizione. 
In quest’ occasione le societa’ hanno avuto la possibilita’ di entrare in contatto, tramite meeting one-to-one e one-to-few, con un pool di oltre 200 investitori operanti sui mercati azionari europei. 
‘ Un’ occasione nella quale gli incontri con gli investitori sono stati soddisfacenti e che ha rappresentato un’ opportunita’ per conoscere investitori istituzionali piccoli e medi che difficilmente vengono in Italia o hanno visibilita’ diretta sulle Mid corporate italiane’ , spiega Marco Gallarati, Investor relator di Ivs Group, in un’ intervista rilasciata a Market Insight a commento della partecipazione del gruppo, attivo nella distribuzione automatica di bevande calde, fredde e snack, all’ evento parigino. 
Per Ivs Group, considerate anche le recenti importanti gare vinte in Francia (Metro Parigi, ospedale Salpetriere), afferma Gallarati, ‘ tale evento costituisce una ulteriore occasione di visibilita’ e promozione e il buon interesse da parte degli investitori nei nostri confronti conferma la solidita’ di conti, crescenti e resilienti, anche in situazioni di rallentamento dell’economia’ . 
E non e’ tutto in quanto, prosegue l’ Investor relator, ‘ tale apprezzamento da parte degli investitori e’ stato riscontrato in maniera rilevante anche in relazione alle nostre strategie di medio-lungo termine, che prevedono costante crescita delle quote di mercato in tutti i paesi in cui Ivs Group opera, come Italia, Spagna, Francia e Svizzera-Canton Ticino. Il tutto grazie alle consolidate capacita’ di esecuzione di operazioni di acquisizione di molte piccole aziende, che danno importanti ritorni sul capitale investito’ . 
Gli investitori, afferma Gallarati, ‘ sono moderatamente cauti circa l’ evoluzione economica e politica italiana, e diventeranno ancor piu’ selettivi sui singoli casi di aziende eccellenti nei loro settori’ . 
Dal punto di vista invece della composizione dell’ azionariato, spiega l’ Investor relator, ‘ il flottante Ivs e’ attualmente poco superiore al 35%, anche se suddiviso su un numero ancora non abbastanza elevato di investitori istituzionali’ . 
‘ La percentuale di flottante – prosegue – potra’ tuttavia aumentare leggermente nel tempo, anche grazie all’utilizzo di azioni proprie per il pagamento di parti del prezzo di acquisizioni, come avvenuto recentemente, a febbraio 2019, per l’acquisizione di SDA 2000 in Liguria’ . 
‘ Il passaggio al segmento Star di Borsa Italiana, per cui abbiamo gia’ presentato domanda, e’ un altro importante passo per noi – conclude Gallarati – e dovrebbe contribuire ad aumentare la visibilita’ dell’azienda, il frazionamento del flottante su piu’ investitori istituzionali e la liquidita’ del titolo’ .

NET INSURANCE

Net Insurance ha modificato la struttura organizzativa, accentrando tutte le attivita’ di business sotto la responsabilita’ del nuovo team di executives. 
Il tutto dopo che il gruppo ha annunciato l’ uscita dalla societa’ del Ceo e del Cfo della precedente gestione. 
‘ L’ assetto ora in vigore e’ all’ insegna della massima discontinuita’, organizzativa e di 
processo. Il management, interamente rinnovato, e’ al lavoro su tutti i fronti con la massima determinazione’ , ha affermato Andrea Battista, Ad di Net Insurance.

COMMERZBANK

Si allunga la lista dei pretendenti per Commerzbank . Mentre Unicredit starebbe valutando un”offerta in caso di fallimento delle nozze con Deutsche, Ing avrebbe contattato il management di Commerz prima che le prime due banche di Germania ufficializzassero la trattativa. Il ceo di Ing, Ralph Hamers, si legge su MF, avrebbe proposto all”omologo di Commerz, Martin Zielke, una fusione transfrontaliera e segnalato la disponibilita” di Ing a scegliere Francoforte come sede della nuova entita”. Lo spostamento del quartier generale in Germania, fra l”altro, avrebbe dovuto rendere piu” digeribile la fusione per il governo di Berlino, tuttora azionista di Commerz al 15,6%. Inoltre il diritto tedesco avrebbe consentito al ceo di Ing di sottrarsi alle restrizioni sulla retribuzione variabile previste dalla legislazione olandese. Hamers avrebbe addirittura sondato il governo di Berlino in vista della presentazione di un”offerta per Commerz. Secondo indiscrezioni l”annuncio delle negoziato per la fusione tutta tedesca avrebbe infine convinto il numero uno dell”istituto olandese a desistere. Almeno per il momento. Prima di farsi avanti per Commerz, insomma, le altre banche europee aspettano di conoscere l”esito delle trattative per l”operazione Db-Commerz che, come noto, gode del sostegno del ministro delle Finanze tedesco, Olaf Scholz. 

GAROFALO

Garofalo Health Care, facendo seguito a quanto comunicato lo scorso 18 marzo, in relazione alla controllata Villa Von Siebenthal, comunica che e’ stata sottoscritta una integrazione all’ accordo in essere con la Regione Lazio e la ASL Roma 6. 
Ricordiamo che il precedente accordo, sottoscritto il 26 maggio 2017, aveva reso possibile l’ accreditamento definitivo della struttura, con l’ inclusione di un nuovo modulo di 20 posti letto per la cura di pazienti adolescenti affetti da gravi disturbi psichiatrici. 
L’ accordo perfezionato ieri integra il budget 2018 recependo l’adeguamento incrementale delle tariffe relative al modulo per adolescenti. 
Adeguamento esteso inoltre all’ attivita’ erogata a partire dal 1° gennaio 2017 a chiusura delle controversie pendenti. 
Gli effetti di tale integrazione dovrebbero riflettersi sul bilancio 2018 consolidato, che sara’ portato oggi all’ approvazione del CdA, con un incremento atteso dell’ operating Ebitda adjusted di circa il 2%, rispetto a quello comunicato al mercato lo scorso 27 febbraio. 
Inoltre tale integrazione dovrebbe produrre ulteriori effetti positivi, ancora in definizione, a valere sull’ esercizio 2019.

CARIGE

Il piano di BlackRock per il salvataggio di Carige  comprende un aumento di capitale pari a 700-730 milioni di euro, più alto dei 630 milioni indicati dai commissari, secondo quanto scrivono alcuni quotidiani.Per il Corriere della Sera l’aumento salirebbe come ammontare a 700 milioni, mentre il Messaggero parla di una cifra di 710-730 milioni.Carige è stata posta in amministrazione straordinaria all’inizio dell’anno dopo che il principale azionista, Malacalza Investimenti, ha bloccato l’aumento di capitale previsto, facendo deragliare il piano di mercato per salvare la banca.La Bce ha chiesto ai tre commissari incaricati di gestire la banca di trovare un compratore per Carige e ha recentemente esteso fino a metà maggio il termine per la presentazione di offerte vincolanti. BlackRock è rimasto l’unico investitore tra quelli noti ad aver preso in considerazione un’offerta sulla banca.

GPI

GPI, leader nei Sistemi Informativi e Servizi per la Sanita’ e il Sociale, presenta oggi le linee guida del piano strategico industriale 2020-2022, che illustrano le principali direttrici di sviluppo previste per il triennio e costituiscono il perimetro entro il quale sara’ sviluppato, nel corso del 2019, il Piano Strategico Industriale. 
Sempre piu’ globali Il percorso di internazionalizzazione prosegue con una crescita legata principalmente alle aree Software, Automation e Pay. Si stima un importante incremento nel triennio del mercato estero, con un contributo significativo derivante da acquisizioni di societa’ in area Software, con un range di 20-30 milioni di ricavi. Le aree geografiche di azione sono: DACH (Germania, Austria e Svizzera), Russia, Cina e Far East, Israele e Middle Est, Nord e Sud America. 
Crescita del private healthcare Focalizzazione e sviluppo del mercato Healthcare privato con una stima di raddoppio del peso percentuale di tale segmento sul totale dei ricavi Healthcare nel periodo di piano. 
Leadership nel mercato healthcare italiano Mantenimento posizioni e acquisizione di grandi appalti nazionali/regionali, acquisizione di aziende con prodotti e clienti che completano l’ offerta e di start-up eccellenti che facciano da driver di innovazione per la digitalizzazione del mondo Healthcare. Promozione delle iniziative R&S su: Intelligenza Artificiale per la medicina predittiva e per i percorsi di cura; Digital Transformation per i percorsi di accoglienza e per il Patient Relationship Management; Automazione della logistica trasfusionale e di sala operatoria. 
Da provider a partner Conferma della natura multi-business di GPI: sviluppo delle ASA e proposta di soluzioni inter ASA per sostenere il passaggio di modello di business da provider a partner delle organizzazioni socio sanitarie. 
Da prodotti/servizi a soluzioni integrate Aumento progressivo e continuo dell’ integrazione tra le componenti di servizio, software e tecnologiche per rispondere proattivamente all’ evoluzione dei modelli di cura e della domanda di salute

Comments are closed.