Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RUMORS E NEWS DEL 6 DICEMBRE

RUMORS E NEWS DEL 6 DICEMBRE

ITALIA FTSEMIB CAMBIAMENTI

Rivoluzione nel Ftse-Mib. Dopo l’uscita forzata di Luxottica in seguito all’offerta di scambio promossa e conclusa positivamente dall’azionista di riferimento,  Borsa Italiana rivede ulteriormente la composizione dell’indice composto dalle 40 principali società di Piazza Affari.

Usciranno dal Ftse-Mib Mediaset   e Mediolanum  Al loro posto entreranno Amplifon  e, Juventus E’ un ricambio epocale che vedrà dal prossimo 27 dicembre fuori dal listino principale il gruppo televisivo che fa riferimento alla famiglia Berlusconi e il gruppo bancario-assicurativo controllato da Fininvest e dalla famiglia di Ennio Doris.

TELECOM

-Gli occhi del mercato sono puntati in questo momento sui due principali aspetti che riguardano Tim , ossia la data della prossima assemblea e i contenuti del nuovo piano industriale del gruppo, ma entrambi gli argomenti in teoria non dovrebbero essere discussi dal consiglio d”amministrazione di Telecom che si terra” oggi, il primo da quando Luigi Gubitosi e” stato nominato ceo della societa”. Questo in teoria, scrive MF, perche” c”e” invece chi sostiene che i membri del board potrebbero trovare sul tavolo anche una nuova richiesta di convocazione da parte di un fondo azionista del gruppo. Richiesta che andrebbe a sommarsi a quella dei sindaci della societa”, che hanno gia” formalmente chiesto al presidente Fulvio Conti la convocazione dei soci per la nomina dei nuovi revisori contabili della societa”. Al netto della questione assemblea, che in ogni caso restera” il tema caldo dei prossimi mesi per Tim , il consiglio di amministrazione odierno fara” il punto sulle attivita” del gruppo tlc e su alcune delle operazioni in corso (come la cessione di Persidera), senza pero” che siano previste al momento deliberazioni o decisioni. Decisioni che invece potrebbero essere prese, senza impatto sul cda, a livello organizzativo e dirigenziale nel corso del management meeting che Gubitosi avrebbe convocato per domani, incontro che secondo molti osservatori potrebbe essere accompagnato da qualche cambio nella struttura (c”e” chi scommette ad esempio su un nuovo capo del regolatorio).

ENI

Oggi a Vienna si incontrerà l’Opec  per decidere su un taglio o meno della produzione. Le indiscrezioni parlano di un taglio da 1,3 milioni di barili al giorno. Il presidente Usa, Donald Trump ha chiesto di non intervenire per far e il prezzo del greggio, ma pare che dietro le quinte l’accordo sia stato già preso. Il petrolio Brent arretra dello 0,5% portandosi a 61,23 euro.
La Russia, che incontrerà i Paesi Opec domani, sembra voler rompere il fronte pro-tagli sostenuto dall’Arabia Saudita. Putin ha detto che anche un prezzo così basso non crea problemi.

TECHEDGE

– Techedge ha ottenuto da Consob il nulla osta al prospetto informativo per l’ammissione alla quotazione in Borsa.Il collocamento istituzionale riguarda fino a 2,67 milioni di azioni, di cui 1,5 milioni derivanti da un aumento di capitale senza diritto di opzione, mentre le restanti 1,17 milioni saranno messe in vendita dagli azionisti Masada Srl, Techies Consulting e Massimo Compagnoni, dice una nota.La società e gli azionisti venditori, in accordo con i coordinatori dell’offerta Banca Imi e Intermonte, hanno individuato una forchetta di valorizzazione tra 4,20 e 4,90 euro per azione, pari a una valutazione indicativa della società tra 101,9 milioni e 118,8 milioni.È prevista la concessione da parte degli azionisti Florideo Fabrizio e Antonio Di Perna ai coordinatori dell’offerta di un’opzione di sovrallocazione fino a 320 mila azioni (12% del totale offerto, così come la concessione di un’opzione greenshoe per lo stesso ammontare.

Il collocamento istituzionale partirà il 10 dicembre e terminerà il 12 dicembre.

GENERALI

Il gruppo Caltagirone  ha acquistato nei giorni scorsi altre azioni salendo al 4,67% del capitale.Reuters riporta che sono state comprate, attraverso la società Fincal, 900 mila azioni della compagnia assicurativa, pari allo 0,06% del capitale a un prezzo medio ponderato di 15,002
euro.Nel frattempo Leonardo Del Vecchio, patron di Luxottica, è salito al 3,67%.
Insieme i due uomini d’affari arrivano all’8,34% del capitale.
GAROFALO
Equita Sim, quale agente della stabilizzazione sulle azioni ordinarie di Garofalo Health Care, ha esercitato per conto di Credit Suisse e della Equita Sim (quali Joint Coordinator) integralmente l”opzione di greenshoe per 2.000.000 azioni. Con l”esercizio della greenshoe termina con effetto immediato il periodo di stabilizzazione. Il prezzo di acquisto delle azioni oggetto dell”opzione e” di 3,34 euro per un controvalore complessivo di 6.680.000 euro. Il regolamento dell”opzione greenshoe sara” domani e nello stesso giorno le azioni rivenienti dall”esercizio dell”opzione saranno consegnate all”azionista Maria Laura Garofalo a chiusura dell”opzione di over-allotment concessa ai Joint Global Coordinator. Incluse le azioni oggetto dell”opzione greenshoe, il collocamento istituzionale ha riguardato pertanto 22.000.000 azioni ordinarie Ghc, pari a circa il 26,8% del capitale sociale. Inoltre, sempre sulla base di quanto comunicato da Equita Sim, quale agente per la stabilizzazione sulle azioni ordinarie GHC e anche per conto della stessa, Ghc rende noto che durante il periodo di stabilizzazione, dalla data di inizio delle negoziazioni delle azioni ordinarie GHC sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana (9 novembre 2018) fino alla data odierna, non e” stata effettuata alcuna operazione di stabilizzazione.
SALVINI TASSE AUTO
Il leader della Lega, Matteo Salvini, si dichiara contrario all’introduzione di penalizzazioni sull’acquisto di auto inquinanti previste nel testo della manovra uscito dalla commissione Bilancio della Camera.
I deputati hanno introdotto un meccanismo ‘bonus-malus’ che prevede incentivi fino a 6.000 euro sull’acquisto di automobili a impatto zero e un’imposta fino a di 3.000 euro nel caso di emissioni superiori a 250 grammi di anidride carbonica per km.”Sono assolutamente contrario ad ogni ipotesi di nuova tassa su un bene iper tassato come l’auto. Se ci sono bonus va benissimo”, ha detto Salvini a Radio Anch’io.Salvini annuncia per oggi le stime sui costi effettivi di quota 100 e reddito di cittadinanza ma non chiarisce se e di quanto il governo sia disposto a ridurre il deficit, indicato al 2,4% del Pil nel 2019.”Se abbiamo appostato 16 miliardi in manovra e per fare quel che ci riproponiamo servono meno soldi i soldi in più verranno spesi per altro”,
Il leader leghista definisce “fantasie giornalistiche” le ipotesi di rinvio delle due misure cardine della manovra.
FINECO
Blackrock ha ridotto la partecipazione nel capitale di Fineco, passando dal 7,575% del 2 marzo 2018 al 6,805 per cento. La quota e’ detenuta tramite gestione indiretta non discrezionale del risparmio.
E’ quanto riportato dalle ultime comunicazioni relative alle partecipazioni rilevanti rilasciate dalla Consob, secondo le quali l’operazione risale allo scorso 29 novembre.
ALITALIA
-Si terra” oggi il Consiglio dei ministri, inizialmente previsto per ieri, con all”ordine del giorno il decreto Semplificazioni, nel quale e” stata inserita la norma sul rinvio al 30 giugno 2019 del rimborso del prestito-ponte concesso all”Alitalia. La proroga di oltre sei mesi sulla scadenza del 15 dicembre prossimo prevede, scrive MF, anche la possibilita” di un rimborso anticipato, entro 30 giorni dall”eventuale perfezionamento della cessione. Ma i tempi difficilmente potranno essere cosi” brevi. Quella in corso da parte del gruppo Ferrovie dello Stato infatti e” una due diligence complessa, per ammissione dello stesso amministratore delegato Gianfranco Battisti. In realta” quella condotta dagli advisor Mediobanca e Cleary Gottlieb e” ancora una confirmatory due diligence, ovvero un supplemento di verifiche al quale il gruppo Fs ha condizionato la presentazione di una proposta vincolante vera e propria, alla quale si lavorera” non prima del 31 gennaio prossimo. Ci sono anche i due partner internazionali “di peso” da tirare dentro la newco candidata a rilevare Alitalia.
PIR
Gli addetti ai lavori lo definiscono come il tassello mancante per completare il quadro dei Pir, i Piani individuali di risparmio che, lanciati alla fine del 2016, si sono affermati lo scorso anno come uno degli strumenti piu” apprezzati dagli investitori, anche grazie agli sgravi fiscali riconosciuti a chi ne apre uno. In ballo, scrive MF, c”e” ora la proposta approvata dalla commissione Bilancio della Camera di inserire un vincolo aggiuntivo a investire il 3% del capitale raccolto in titoli non negoziati nei mercati regolamentati (come appunto l”Aim) o nei sistemi di negoziazione di pmi. Ad avanzarla e” stato il deputato Giulio Centemero della Lega, che nel suo testo parla di introdurre questo ulteriore vincolo di destinazione dei capitali raccolti dai Pir, in aggiunta a quello principale che, in breve, si traduce in un obbligo a investire il 21% di quanto raccolto dal Pir in titoli esclusi dal paniere dei 40 che compongono l”indice Ftse Mib, ossia le cosiddette blue chip di Piazza Affari. “Questa modifica avrebbe il merito di avvicinare di piu” lo strumento dei Pir al circuito Aim, dal momento che oggi l”impegno a investire fuori dall”indice Ftse Mib lascia ai gestori un raggio d”azione fin troppo ampio”, spiega Giovanni Natali, presidente di 4aim sicaf , strumento d”investimento specializzato proprio nel segmento di Borsa italiana dedicato alle pmi e che fa che fa capo al gruppo Ambromobiliare .
DIGITAL MAGICS
In relazione alla variazione del capitale sociale e degli azionisti significativi successiva al secondo periodo di esercizio dei warrant, Digital Magics precisa che il numero di warrant residui in circolazione ammonta a 901.431.
Nel corso del primo periodo di esercizio (dall’ 1 al 31 ottobre 2017) erano stati esercitati 738.065 Warrant ed erano state conseguentemente sottoscritte 738.065 azioni ordinarie Digital Magics di nuova emissione al prezzo di 5,75 euro ciascuna, per un controvalore complessivo di 4.243.873,75 euro.

Comments are closed.